numero 4091
biblioteca I-VgcFondo Rolandi INAUGURALI DI TEATRI VI-Z
frontespizio

L'OLIMPIADE / del celebre signor abbate / Pietro Metastasio / poeta cesareo / dramma per musica / da rappresentarsi nel teatro / di Vicenza / all'occasione della di lui apertura / dedicato / a sua eccellenza N. H. / S. Zaccaria Morosini / podestà vicecapitanio

edizione Vicenzastamperia Camerale1784
formato 18,2x13; pp. 51
parti atti 2
dedica Antonio Zardonia Zaccaria Morosini 
illustrazioni

frontespizio 

rappresentazione Vicenza, Eretenio10 luglio 1784
libretto Pietro Metastasio
musica Domenico Cimarosa
personaggi e interpreti
Clistene re di Sicione, padre d'AristeaMatteo Babini
Aristea sua figlia, amante di MegacleFrancesca Danzi Le Brun
Argene dama cretense in abito di pastorella, sotto nome di Licori, amante di LicidaRosa Rota
Licida creduto figlio del re di Creta, amante di Aristea ed amico di MegacleGiuseppe Benigni
Megacle amante d'Aristea ed amico di LicidaLuigi Marchesi
Aminta aio di LicidaGiuseppe Desirò
Pastori, atleti, guardie reali, guardie della principessa, popolo, sacerdoti di Giove Olimpico 
scenografi Antonio Mauri
costumisti Giacomo Tonelli
coreografi Domenico Ricciardi
altri operatori Antonio Zardoniimpresario
osservazioni

[R.] Iª rappr. con musica di Cimarosa. Segue il ballo Gli amori di Ero e Leandro, musica di Antonio Capuzzi (pp. 47-51). Iª rappr. ass. Vienna, Corte, 28 agosto 1733, con musica di Antonio Caldara. L'incipit Bell'alme innamorate (a. di Clistene in II 5) compare, come incipit di un'a. di Leo, ne La Rosilla di Antonio Orefici, Napoli, Nuovo sopra Toledo, autunno 1733 (SON). A p. 5 Argomento, a p. 8 lista dei ballerini e citato il secondo ballo La pastorella delle Alpi, musica di Mattia Strabingher [sic]; a p. 9: «Le recite avranno il loro principio il giorno 10 luglio e termineranno li 10 agosto all'incirca».