ID 6158
permalink
library I-VgcFondo Rolandi RISTAMPE ROSSINI CI-CO
title-page

IL CONTE ORY / opera comica in due atti / parole di Eugenio Scribe / musica di Rossini / tradotta in italiano / da rappresentarsi / nel teatro Filarmonico / il carnovale 1829-30

edition VeronaPietro Bisesti[1829]
format 19x12,6; pp. 46
acts atti 2
illustrations

frontespizio  

performance Verona, Filarmonicocarnevale 1829-1830
libretto Eugène Scribe - [Charles Gaspard Delestre Poirson]
composer Gioachino Rossini
characters and performers
Il conte OryFrancesco Regoli
L'aioLuciano Mariani
Isoliero paggioMarietta Brambilla
Roberto gentiluomo, amico del conteLuigi Goffredo Zuccoli
Un cavaliere compagno del conteGiovanni Riboli
La contessa Adele di FormoutiersAmalia Brambilla
Ragonda custode del castelloCarolina Bianciardi
Una dama compagna della contessa 
Alice contadinellaAngela Moscheni
Coro: cavalieri, compagni del conte, cavalieri armati, villici, vassalli del feudo, dame colla contessa, contadinelle; statisti: cavalieri del duca, padre del conte, guardie, scudieri, paggi, , vassalli, dame, damigelle, coutadine [sic], araldi della cont.a 
stage designers Fioravante Cantonipittore
Francesco Tessapittore
stage-hands Luigi Dilda
costume designers Domenico Briani
Giovanni Mondini
Antonio Felisicaposarto
choreographers Girolamo Albini
orchestra and chorus Marco Bonesiprimo violino e direttore d'orchestra
Domenico Foronimaestro al cembalo
Pietro Lenottidirettore del coro
other operators Niccola Barbesiattrezzista
Antonio Rogniniattrezzista
remarks

[R.] Ia rappr. Parigi, Académie Royale de Musique, 1828, col titolo Le comte Ory. Ia ed. in R.

A p. 2 Avviso (v. 9550), a p. 4 lista degli «artisti di canto», a p. 5 lista degli «artisti di ballo», a p. 6 lista degli orchestrali. Aggiunti in fondo foglietti con l'elenco degli introiti del teatro, un programma dei «pezzi vocali ed istromentali che si eseguiranno nell'Istituto Filarmonico degli Anfioni la sera di Lunedì 1 marzo 1830», un supplemento al «Foglio di Verona» n. 26 del giorno 5 marzo 1830 e 8 pp. A Giuditta Pasta, anacreontica del dottor Sante Beghini.